GlobeTrottingKids

Viaggiare in gravidanza si può eccome, basta qualche accorgimento e consiglio utile per vivere al meglio le vacanze anche con il pancione! Il mio piccolo globetrotter deve ancora nascere ma è già stato con me in diversi paesi sparsi su tre continenti, senza problema alcuno... Da New York (in cui eravamo ancora all'oscuro!), Svizzera e Baviera, Dubai, Barcellona, Olanda, Francoforte, Londra... E non mi sono ancora fermata di viaggiare (sia per lavoro che per piacere)!! 

 

Dalla mia personale esperienza, ecco i consigli che mi sento di dare a tutte le mamme in attesa:

Come premessa, stipulate sempre una buona assicurazione sanitaria e annullamento prima dei viaggi. Noi abbiamo la Columbus annuale multiviaggio che copre tutta la famiglia; non ci è mai servita fortunamente, ma da tutte le ricerche fatte in rete sembra essere una delle migliori e più convenienti!

  1. Scegliere destinazioni nelle quali potete essere ragionevolmente certe di trovare strutture sanitarie adeguate in caso di problemi. Per me personalmente questo è un requisito essenziale, anche per evitare ansie inutili...
  2. Preferire l'aereo ad altri mezzi di trasporto, semplicemente per la maggiore comodità, velocità di spostamento e mancanza di scossoni su strada.In generale, evitare jeep, strade malmesse, lunghi spostamenti è sempre meglio. 
  3. Durante il primo trimestre, tra nausea e stanchezza,e maggior rischio in generale, meglio preferire viaggi tranquilli, magari al mare, dove ci si possa riposare e non camminare tutto il giorno come quando si visita una città (esempi: Dubai, Canarie, Caraibi, Malta, Cipro, Croazia, Costa Azzurra, sono alcuni esempi di destinazioni che consiglierei in questo periodo...) 
  4. Nel secondo trimestre invece, visitare città o camminare in mezzo alla natura è anzi consigliato e quindi si dovrebbero privilegiare mete in cui poter alternare passeggiate a visite riposanti... Qualsiasi città europea a seconda del clima del momento, o viaggi naturalistici (Slovenia, Svizzera, Baviera, Castelli della Loira, Bretagna e Normandia, ma anche Stati Uniti, nord Europa...)
  5. Per viaggiare in aereo ci sono limitazioni o requisiti particolari a partire da una certa settimana di gravidanza e a seconda della compagnia aerea. In generale, finoalla 28 esima settimana non ci sono problemi, ma oltre potrebbero richiedervi certificati medici o moduli nel formato richiesto da loro. Consiglio quindi di guardare sul sito della compagnia o chiamare il loro servizio informazioni per saperlo in anticipo e poter quindi programmare il vostro viaggio, se pensate di andare nel terzo trimestre. 
  6. Nel terzo trimestre di gravidanza, come sono io al momento, si è un pò ingombranti per muoversi tanto, e mentre al settimo mese si può ancora viaggiare in aereo, poi è meglio fermarsi e preferire gite nella natura e week end fuori porta in Italia, oppure mare! 

 Insomma con qualche accortezza e pianificazione in più, viaggiare in gravidanza è comunque fattibile e un piacere (soprattutto nel secondo trimestre a dire la verità!)… Buoni viaggi!

 

Google Translation:

Accedi al tuo Account:

Trovaci:

Di seguito, i collegamenti per trovare GlobeTrottingKids sui principali social network.

Collabora con noi:

Ti piacerebbe curare una rubrica o comunque collaborare al blog? Faccelo sapere e ti contatteremo!