GlobeTrottingKids

Ennesima trasferta lavorativa… ma essendo in estate è diventata il pretesto di un week end lungo in Umbria! Siamo partiti da Gubbio, dove appunto avevo un convegno, per poi girare anche Assisi e Perugia. A Gubbio abbiamo alloggiato nella struttura del convegno (Park Hotel dei Cappuccini), subito fuori le mura della città, mentre per visitare gli altri posti abbiamo fatto base in un agriturismo bellissimo, con piscina e situato nel verde. L’abbiamo prenotato con Booking e si trova a Petrignano (a metà strada tra Assisi e Perugia), il nome è Santa Maria degli Ancillotti. Non è esattamente economico, ma veramente bello come camera, e tutta la struttura; una sera abbiamo anche cenato lì ed è stato molto bello.

 

Gubbio

Gubbio è una città medievale molto ben conservata e situata alle falde del monte Ingino (che raggiunge quasi i mille metri), ed è quindi tutta piuttosto in salita (noi siamo entrati da sotto da una porta antica della città). Appena entrata in città, sono rimasta subito affascinata da questa atmosfera veramente di città d’altri tempi, con botteghe artigianali (famose quelle dei fabbri) e i tipici ritrovi degli abitanti del paese (la piazzetta, il bar, la chiesa). Sembra di entrare in una favola o in un romanzo antico.

Siamo entrati al Duomo, un capolavoro di opere d’arte, con opere del ‘500 e due organi antichi. La Piazza Grande è molto scenografica e panoramica, con il palazzo bianco dei Consoli, simbolo della città. Di fronte al Duomo c’è il Palazzo Ducale, del ‘400, e si può vedere un bellissimo cortile interno con una serie di archi sorretti da colonne e capitelli. La Casa di S. Ubaldo è un’antica casa torre dove abitava il patrono della città, e ha belle decorazioni interne che risalgono al ‘200/’300.

Fuori dalle mura di trova il Teatro Romano, restaurato nel Novecento, e che in estate è utilizzato come sede di spettacoli classici.

Siamo poi andati a prendere la funivia per arrivare in cima al Monte Ingino, si arriva ad una basilica (di Sant’Ubaldo appunto), che ospita le spoglie del santo e i ceri. Infine siamo andati al Parco Ranghiasci, una bella zona verde intorno alle mura che rimane un po’ in alto e offre bellissime viste sulla città.

Per mangiare abbiamo assaggiato alcune cibi tipici locali come la crescia al panaro (sorta di focaccia ripiena di varie prelibatezze), per pranzo, e torte salate e baccalà una sera.

Direi che Gubbio in una giornata si visita bene, è solo un po’ faticoso con il passeggino andare su per le strade ma ce l’abbiamo fatta!

 

Assisi

Naturalmente ad Assisi abbiamo iniziato la nostra giornata dirigendoci alla Basilica di San Francesco, del XIII secolo, con la sua Chiesa Inferiore e Chiesa Superiore. Siamo prima entrati nella Chiesa Inferiore, dove si vedono le varie cappelle dipinte, la volta della navata affrescata da Giotto e la sua scuola. In fondo alla navata si trova la tomba di San Francesco, sopra la quale i dipinti di Giotto raffiguranti le regole francescane (Povertà, Castità e Obbedienza). Si può poi scendere alla cripta sottostante dove si trovano le spoglie del Santo. Dopo siamo andati alla Chiesa Superiore, con la sua facciata gotica e le vetrate artistiche; ci sono numerosi affreschi anche qui, del vecchio e nuovo testamento, e nelle pareti inferiori altri affreschi di Giotto e la sua scuola.

Usciti dalla Chiesa siamo andati nel parco a fianco (uscendo sulla sinistra), per riposarci un po’ e stare nel verde. E’ un po’ tutto salite e discese, ma ci siamo fermati un pochino a far camminare la nana!

Abbiamo poi percorso Via San Francesco per raggiungere la Piazza del Comune, con il Tempio di Minerva, e poi siamo andati a vedere la Chiesa Nuova che è stata realizzata sulla casa natale di San Francesco. Immancabile visitare Piazza Santa Chiara e la sua Basilica, dove ci sono i resti della Santa e un bel crocifisso di legno.

Infine ci siamo diretti alle mura medievali e abbiamo fatto un bel giro (insieme a mille ragazzi in gita scolastica!), con annesso giro delle porte (che sono 7). Per appassionati di fotografia, consiglio di arrivare alla Rocca Maggiore dove c’è il più bel panorama di Assisi e della vallata!! Foto meravigliosa.

Ad Assisi abbiamo comprato del buonissimo pecorino e gli umbricelli (spaghettoni grandi al tartufo) da portare a casa… buonissimi!

 

Perugia

Oggi è domenica, ultimo giorno di Umbria per il momento, e lo trascorriamo a Perugia, per poi incamminarci verso casa alla sera.

Perugia è, come quasi tutte le città umbre, in salita, per cui scarpe basse e camminare… in cima alla prima salita, si arriva al centro cittadino con la Piazza IV Novembre, e la sua Fontana Maggiore, che è il simbolo della città. Vicino alla Piazza si trova anche il Pozzo etrusco, che scende in profondità ed è stato costruito 300 anni prima di Cristo.  In piazza si trova la cattedrale di San Lorenzo e il Palazzo dei Priori (che ospita la Galleria nazionale dell’Umbria). Visitiamo la cattedrale, che ha anche un museo nel chiostro (questo lo saltiamo), e poi il palazzo dei Priori, in stile gotico. Si entra dalla Piazza attraverso un bel portale ornato di statue, e l’interno è molto bello, con pitture che narrano le varie leggende e sale affrescate e decorate. La Galleria Nazionale al secondo e al terzo piano ha dipinti di Piero della Francesca, Beato Angelico, e Perugino.

Per mangiare ci siamo diretti in un’osteria che ci ispirava e abbiamo assaggiato gli strangozzi (fettuccine fatte in casa al tartufo) e i baci artigianali che qui sono un po’ le specialità del luogo…

La strada dello shopping e dei negozi è invece Corso Vannucci, che parte dalla piazza principale ed è il centro della vita sociale della città, ha locali storici e bei negozi. Alla fine della via c’è la Rocca Paolina, una fortezza fatta erigere da Papa Paolo III dopo il sacco di Roma.

Leggiamo sui cartelloni che a luglio si terrà qui a Perugia un famoso festival del jazz (Umbria jazz), peccato che siamo in anticipo e non possiamo fermarci a sentire qualche concerto!

 

Il nostro fine settimana è finito, ci rimangono come sempre bellissimi ricordi e fotografie di questi posti bellissimi! E’ proprio vero che alcune regioni non deludono mai e l’Italia ne è piena… : - )

Google Translation:

Accedi al tuo Account:

Trovaci:

Di seguito, i collegamenti per trovare GlobeTrottingKids sui principali social network.

Collabora con noi:

Ti piacerebbe curare una rubrica o comunque collaborare al blog? Faccelo sapere e ti contatteremo!