GlobeTrottingKids

Il Machu Picchu è uno dei siti più belli ed emozionanti che abbiamo mai visto... e dire che ne abbiamo visti molti! La scenografia contribuisce sicuramente molto al clima di sacralità del sito, così come tutto il percorso per arrivarci (che sia a piedi attraverso il cammino Inca, o con il treno e il bus che si arrampica sulla montagna). Una volta entrati, siamo rimasti davvero senza parole, e siamo rimasti tutto il giorno a fare più volte il giro del sito, anche di pomeriggio quando era quasi deserto e con un silenzio magico... Arrivare al Machu Picchu come dicevo non è così immediato, e tutta l'organizzazione e i mezzi per arrivare contribuiscono alla preparazione ad una grande esperienza, quasi fosse un pellegrinaggio come facevano gli Inca al Santuario di Machu Picchu... Qualche informazione per organizzare la visita, insieme alla nostra esperienza! 

 

Come arrivare al Machu Picchu 

Noi siamo arrivati in auto a Ollantaytambo, il punto più vicino accessibile con i mezzi, e cittadina inca stupenda abbarbicata sui monti; da qui abbiamo preso il treno per Aguas Calientes (prenotato via internet prima di partire) arrivando verso sera, si tratta di un'ora e mezzo di treno che attraversa scenari bellissimi, e anche punto di partenza per l'inca trail (40 km a piedi da fare in 4 giorni). Purtroppo Aguas Calientes e' invece piuttosto deludente e i vari servizi (hotel e ristoranti) cari e di bassa qualità. Il mattino seguente abbiamo preso il bus che da Aguas Calientes porta al Machu Picchu; i bus ci sono dalle 5.30 del mattino a ciclo continuo e anche se la coda per prenderlo vi impressionerà, si tratta al massimo di 20 minuti di attesa. La salita in bus dura circa mezz'ora ed è impressionante, ci si arrampica sulla montagna passando accanto a strapiombi senza nessuna protezione! Ed eccoci qui arrivati all'ingresso di una delle meraviglie del mondo moderno, emozionati come bambini!! 

 

La nostra visita al Machu Picchu 

Non si sa con precisione perché il sito sia stato costruito e poi abbandonato, sebbene ad oggi la teoria più accreditata sia quella di una residenza per un Inca con al massimo 1000 abitanti e un santuario; il sito è diviso in vari settori. Noi abbiamo preso una guida all'ingresso, e siamo entrati nel settore agricolo, dove salendo si arriva al classico punto panoramico del sito e da dove si scattano le iconiche fotografie... Qui sopra con una camminata ulteriore di un'ora si arriva alla Puesta del Sol, da dove entravano gli inca e dove termina l'inca trail. Sempre da qui si può inoltre andare a vedere le rovine di un ponte inca, con circa 20 minuti di cammino. 

Rimasti senza parole ci dilunghiamo ovviamente a fare fotografie, prima di seguire il percorso insieme alla nostra guida che utilissima ci spiega tutto! Si entra quindi nel settore urbano da una porta della città, e si può entrare in qualche abitazione, tutte costruite di pietra (granito della montagna) e rispettando i macigni già esistenti... Vediamo il tempio del sole, ed entriamo nella piazza sacra dove erano costruiti templi e pietre sacre. In particolare, in tutti i templi del Machu Picchu si verifica un allineamento del sole che attraversa la finestra del tempio in occasione dei solstizi, e disegnando la croce andina sul terreno. Inoltre, una pietra in questa piazza ha i 4 angoli rivolti esattamente ai 4 punti cardinali. 

Dalla piazza sacra si sale per andare al cosiddetto osservatorio, dove si trova un'antica meridiana di pietra. Scendendo nuovamente si prosegue la visita costeggiando la piazza centrale (in cui non si può andare ma sostano alcuni lama), e si arriva poi ad un'altra piazzetta con un'enorme masso di granito che ha lo stesso profilo delle montagne dietro. Da qui parte il sentiero per scalare il monte Huayna Picchu, limitato a 400 persone al giorno e da prenotare tanto tempo prima... La guida dice che occorre essere molto allenati e ci si impiega un'ora per salire e un'ora per scendere, e i bambini non sono ammessi. Noi avevamo prenotato solo l'ingresso al Machu Picchu, anche questo limitato a 2500 persone al giorno, e già con una bambina ci è sembrato sufficiente.

Ritornando dall'altro settore, si passa per le abitazioni dei nobili inca, e per le case dei tessitori e degli artigiani. Vediamo anche il bellissimo tempio del condor, con le pietre messe appositamente per ricordare il condor, simbolo dei mondi superiori. In tutti questi templi sono state ritrovate ossa di animali che venivano sacrificati, e anche ossa umane per sacrifici in occasioni particolari... 

La visita completa con la guida e' durata due ore e mezza circa, e poi siamo usciti dal sito per mangiare qualcosa di ciò che ci siamo portati, bere e riposarci un momento. Siamo poi rientrati per girare di nuovo tutto il Machu Picchu da soli, ci siamo fermati dai lama e in alcuni punti panoramici seduti ad ammirare le montagne, e semplicemente ci siamo goduti le passeggiate dentro il sito quasi deserto ormai (tutti i gruppi fanno il giro di mattina)! 

 

Tornati con il bus al paese, abbiamo preso il treno per tornare a Ollantaytambo... Stanchi ma super felici come solo una grande emozione può darti! 

 

Consigli utili e info da sapere prima di andare 

 

  • prenotate in anticipo l'ingresso al Machu Picchu, il treno per arrivare ad Aguas Calientes (da Cuzco o da Ollantaytambo) e la notte per dormire li
  • I biglietti del bus si possono invece comprare lì per lì la sera dell'arrivo o la mattina stessa. In alternativa potete considerare di salire a piedi (8 km di salita estrema) ma a mio parere non vale la pena affaticarvi già con ore di cammino fatto nella stessa strada sterrata dove passano tutti i bus... 
  • Nel sito non c'è nessun servizio, né bagni né tanto meno vendita di bibite o cibo, mentre subito fuori c'è un solo ristorante del Belmond hotel carissimo... Consiglio dunque di portarvi acqua e cibo con voi, anche perché alle tre del pomeriggio anche il ristorante aveva finito l'acqua minerale! 
  • Portate uno zaino molto piccolo altrimenti ve lo fanno lasciare all'ingresso, con il conseguente problema di dovervi portare acqua, macchina fotografica e altro a mano
  • Il sole e' a picco per cui consigliamo crema solare e cappellino, mentre l'anti zanzare serve a tenere lontano i pappataci di cui non ci si accorge ma pungono (siano pur sempre nella selva)

 Ti possono interessare anche Perù: Come Organizzare Il Viaggio Fai Da Te E Il Nostro Itinerario!  e Perù: Tutti I Costi Di Un Viaggio Fai Da Te!

 

Google Translation:

Accedi al tuo Account:

Trovaci:

Di seguito, i collegamenti per trovare GlobeTrottingKids sui principali social network.

Collabora con noi:

Ti piacerebbe curare una rubrica o comunque collaborare al blog? Faccelo sapere e ti contatteremo!