GlobeTrottingKids

Ciao a tutti! Siamo Lorenza, Simone e Sveva e anche noi siamo una famiglia di viaggiatori; questo viaggio l’abbiamo fatto a giugno 2012 quando la nostra piccola aveva 1 anno e mezzo. Il viaggio fly&drive e auto organizzato è durato quindici giorni, le tappe sono state Edinburgo, Pertshire, Lochness, Isole Orcadi, Ullapool, Isola di Skye e Oban, abbiamo dormito o in B&B o in cottage prenotati via web. Si tratta di un viaggio facilmente gestibile con bambini di tutte le età, tra città ricche di storie, castelli, reperti rurali nelle isole Orcadi e tanta tanta natura!

Il costo del viaggio è medio – alto in quanto il costo della vita in Gran Bretagna è elevato e poi c’è il discorso cambio euro – sterlina che non sempre è favorevole, per cenare fuori in generale si spende circa Euro 25/30 a persona e se si opta per il self catering non si risparmia tanto perché i prodotti di buona qualità e la frutta e la verdura sono molto cari.

Consiglio vivamente di prenotare con un certo anticipo le strutture dove si vuole pernottare soprattutto se si va in alta stagione e se si vuole risparmiare un po’, mediamente i prezzi per tre persone in B&B oppure in cottage a notte costano circa Euro 80 a notte; col cottage si riesce anche a risparmiare ma bisogna lasciarlo pulito sennò vengono addebitate le spese di pulizia. Complessivamente quindi due settimane in Scozia “all inclusive” a famiglia possono costare circa Euro 4.000.

Siamo partiti da Pisa con volo low cost per raggiungere Edinburgo dove abbiamo trascorso i primi giorni pernottando in un B&B Corstorphine Lodge Hotel, fuori dal centro, che non consigliamo in quanto molto triste. Edinburgo, capitale della Scozia, il centro storico è molto interessante col suo castello in cima alla rupe che domina la città ma in una giornata si riesce a vedere tutto e senza correre…

Lasciando Edimburgo ci dirigiamo verso il Pertshire facendo tappa nella storica cittadina Perth, che visitiamo in giornata, e quindi ci dirigiamo verso la fattoria Culdees Bunkhouse and Eco-village at Boreland Farm negli avamposti Loch Tay vicino al remoto Glen Lyon dove ci immergiamo nella natura incontaminata e tipica della zona. Nel Pertshire ci avventuriamo a esplorare la zona fino alle bocche del Glen Lyon, quindi i villaggi di Fortingall e Killin (attraversato da un fiume scenografico).

Lasciamo il Pertshire e ci dirigiamo verso le Higlands del nord facendo tappa a Lochness e ne vistiamo il castello, o almeno quello che ne è rimasto…, il posto è molto suggestivo anche se commerciale e turistico e pernottiamo a Tain nel nord nel Morangie B&B. La mattina dopo sveglia presto e percorriamo la statale A99 fino a John O’Groats dove prenderemo il ferry per le Isole Orcadi (125 GBP a/r). Prima di prendere il ferry facciamo una sosta a Duncansby Head, un promontorio a est di John O’Groats dove si trova un faro e dove si possono fare delle passeggiate per ammirare le alte scogliere tipiche scozzesi.

Prendiamo il traghetto e arriviamo nelle isole Orcadi, nella Mainland, e il paesaggio che ci appare dinanzi è veramente particolare, completamente verdeggiante e privo di alberi e arbusti a causa del vento che sferza quotidianamente. L’arcipelago e disseminato di reperti preistorici e delle famose “standing stones”. Consigliamo vivamente di fare una sosta qui e di non temere le condizioni climatiche se si fa il viaggio nel periodo estivo. Alle Orcadi pernottiamo al Bankburn House Bed and Breakfast, colazione ottima e gentilezza garantita!

Di ritorno dalle isole Orcadi costeggiamo la parte occidentale delle Highlands settentrionali, la strada che ci ha portato a Ullapool è un susseguirsi di insenature, scogliere, spiagge di sabbia bianchissima (e che se non fosse per il freddo nulla avrebbero da invidiare alle nostre). Dopo 240 Km di viaggio fatto in giornata e diverse soste per ammirare questi panorami arriviamo a Ullapool dove facciamo solo una sosta di una notte e pernottiamo al B&B Braemore Square Country House (colazione da sogno!!!!).

Da Ullapool partiamo per raggiungere l’isola di Skye facendo tappa al villaggio di Plockton dove ammiriamo l’effetto bassa marea e facciamo una gita in barca per vedere le foche.

Arriviamo quindi all’Isola di Skye e al Cottage Dunliath che abbiamo prenotato sul web e che consiglio. La nostra permanenza all’isola di Skye è quella più lunga in termini di giorni (quattro giorni e tre notti) e la fortuna ci assiste col bel tempo che ci consente di fare tante escursioni. Consigliamo di andare a visitare il faro di Neist Point perché il luogo seppur impervio nel raggiungerlo è bellissimo. Lasciando l’Isola di Skye in direzione Oban ci fermiamo a visitare il famoso castello di Higlander.

Gli ultimi giorni di vacanza li passiamo in un cottage vicino a Oban, un carinissimo villaggio di pescatori. Le zone vicine sono ricche di passeggiate e attività sportive da fare.

Google Translation:

Accedi al tuo Account:

Trovaci:

Di seguito, i collegamenti per trovare GlobeTrottingKids sui principali social network.

Collabora con noi:

Ti piacerebbe curare una rubrica o comunque collaborare al blog? Faccelo sapere e ti contatteremo!