GlobeTrottingKids

Quando ero incinta, sono andata in Russia per lavoro qualche settimana, e Pier Paolo mi ha raggiunto per un week end di tre giorni nella capitale. Era settembre, il tempo già frescolino ma giornate soleggiate e terse, in tre giorni abbiamo visitato tutto quanto ci eravamo prefissati per tornare soddisfatti!

 

A dir la verità io ero già stata altre volte così ho fatto un po' da cicerone a mio marito...
Innanzitutto, per la Russia ricordo che occorre il visto, e occorre muoversi con un pochino di anticipo per averlo, lui ha fatto tutto tramite un'agenzia di pratiche visti. Consiglierei un'assicurazione medica se non già presente, perché le cliniche sono costose e gli ospedali pubblici non sono all'altezza... Mosca si gira tranquillamente in metropolitana, pertanto anche con il pancione o con i bambini non c'è problema a visitare le maggiori attrazioni; per il resto e' anche tutta in piano per cui era piacevole fare passeggiate.

Riporto il nostro itinerario giorno per giorno:

Giorno 1: il primo giorno l'abbiamo dedicato alla piazza rossa e zone limitrofe... Giunti sulla piazza rossa, per prima cosa abbiamo visitato il mausoleo di Lenin, su un lato della piazza, dove oltre alla sua tomba sono presenti anche le tombe dei russi illustri. Un altro lato della piazza ospita il centro commerciale GUM, il più famoso e notevole dei centri commerciali russi, con all'interno lussuosi negozi, ristoranti e bar, dove abbiamo fatto una sosta fermandoci nei tavolini all'aperto. Dopo ci siamo dedicati al museo nazionale di stato che sorge sul lato settentrionale sopra la porta della resurrezione, un bellissimo edificio sia all'esterno che all'interno... Infine la cattedrale di San Basilio dall'altro lato della piazza, forse il monumento più conosciuto di Mosca, con le sue cupole a cipolla, e un interno meraviglioso...
Poco fuori dalla Piazza Rossa, si trovano spazi verdi dove i ragazzi si fermano a bere birra e ad ascoltare musica soprattutto verso sera, ci siamo riposati un po' qui per prendere un po' di respiro! Li accanto, il mitico teatro Bolshoi, con una bella facciata classica. A settembre il teatro era ancora chiuso, e non sono mai riuscita a vedere una rappresentazione perché sono sempre capitata a Mosca in estate... Ma credo sarebbe bellissimo!
Terminiamo la giornata al quartiere Arbat, una via pedonale dove vicino ai negozi di ogni genere ci sono artisti di strada, e c'è molta scelta di ristoranti per cenare e di locali per trascorrere la serata. La via e' molto lunga, e anche costellata di statue e palazzi famosi, noi abbiamo trovato un signore russo gentilissimo che oltre tutto, rarissimo, sapeva bene l'inglese, e che ci ha raccontato la storia dietro a palazzi, statue, e altri postmarks famosi...


Giorno 2: Un altro giorno ci siamo diretti al Cremlino, ovviamente da vedere in una visita a Mosca... Il Cremlino si compone di diversi edifici e chiese all'interno. Gli edifici tuttora utilizzati non sono visitabili. La parte più interessante e' rappresentata dalla piazza delle cattedrali dove 5 cattedrali museo si affacciano, una più bella dell'altra... Siamo stati parecchio tempo in contemplazione degli interni e degli esterni di queste chiese incredibilmente ricche e particolari, e io ho fatto molte fotografie. Altro edifici visitabili comprendono la sala delle armi, dei gioielli, il palazzo del popolo, ma niente di paragonabile a questa piazza con le sue chiese...
Finita la visita al Cremlino abbiamo passeggiato lungo la Moscova e attraversato il ponte moderno per arrivare alla Chiesa del Cristo Salvatore, una chiesa ortodossa originariamente distrutta da Stalin e ricostruita di recente, che sorprende per le immensità e ricchezza dei suoi interni. Da qui si ha anche una bella panoramica sul Cremlino, così come dal ponte!
Entriamo nel rinomato parco Kolomenskoe, bellissimo in ogni stagione, e con un piccolo parco divertimenti tipo luna park al suo interno.
Facciamo infine qualche giretto in metropolitana per vedere le stazioni più belle (ebbene si' a mosca la metropolitana e' un'attrazione da vedere), ma attenzione che non si può fotografare... E ci sono numerose guardie a controllare che effettivamente non si faccia!! La linea circolare della metro offre le stazioni più belle con mosaici, statue per celebrare eroi russi, affreschi, etc. Mangiamo infine in albergo perché per oggi sono troppo stanca!


Giorno 3: L'ultimo giorno di permanenza di Pier decidiamo di fare una gita poco lontano dalla città per visitare il Centro Espositivo di tutte le Russie, e il Museo dei Cosmonauti... Il Centro e' un grande parco con un Expo permanente, con vari padiglioni a tema, mentre all'esterno si trovano fontane, aerei, razzi, tutto quello che secondo gli ideatori rappresenta appunto tutte le russie (i paesi dell'ex unione sovietica). Il Museo dei Cosmonauti e' adiacente al Centro e si nota per la sua struttura in titanio molto avveniristica, un obelisco alto 100 metri, con a fianco una navicella spaziale sulla rampa di lancio. All'interno, si ripercorre la storia spaziale sovietica, molto interessante.
Penso che la visita qui sia molto carina per capire la mentalità sovietica dei tempi andati, la celebrazione e la propaganda che dilagavano, e sembra un po' di fare un tuffo nel passato ai tempi dell'impero sovietico. Nello stesso tempo, adesso che e' diventato un parco per famiglie, sembra anacronistico vedere il padiglione ucraino che rappresenta il granaio russo, a fianco del venditore di palloncini e dolciumi...!
Tornati a Mosca sempre in metropolitana, andiamo a dare un'occhiata alla galleria Tretyakov, un museo di arte moderna russa che raccoglie opere di autori russi moderni e contemporanei, molto interessante anche se non siamo in grado di apprezzare molto il genere.


Un'altra gita un po' fuori Mosca che avevo fatto in occasione di una precedente permanenza, e' al convento Novodevichy, poco fuori città nella campagna, molto rilassante e bello dal punto di vista architettonico.

Bene, il nostro week end e' stato intenso, e ha sintetizzato tutto quello che reputo sia il meglio che Mosca abbia da offrire, con alcune eccezioni di musei che noi non abbiamo avuto voglia di visitare... Le giornate erano talmente belle che abbiamo preferito stare il più possibile all'aperto!

Se ti è piaciuto il nostro diario (e se sei arrivata/o fin qui vuol dire di sì!), registrati al nostro sito, così non ti perderai le newsletter quindicinali e avrai accesso ai contenuti speciali per gli utenti registrati! www.globetrottingkids.com/it/utenti/registrati

Google Translation:

Accedi al tuo Account:

Trovaci:

Di seguito, i collegamenti per trovare GlobeTrottingKids sui principali social network.

Collabora con noi:

Ti piacerebbe curare una rubrica o comunque collaborare al blog? Faccelo sapere e ti contatteremo!